Vobe

April 20, 2015 — Leave a comment

Finally: The “Vobe” app has just been launched and the ad I wrote and directed officially released. Thanks again to everybody. Made in Monmartre. Enjoy!

https://www.vobeapp.com/

http://www.wuv.de/digital/vobe_messenger_stayfriends_gruender_fordert_whatsapp_heraus

Vobe – storyboard

April 15, 2015 — 2 Comments

This is the storyboard I drew for “Vobe”. It’s no masterpiece but it had the function to help everybody visualize my idea. Tomorrow the app will be finally launched.


Bubbles
Ho appena concluso le riprese di uno spot per un’applicazione telefonica dal nome in codice provvisorio Bubbles. Il produttore mi ha detto di girarlo a Los Angeles, ma ho pensato che andando a Parigi avrei trovato…visi globali. E così è stato. Avevo perennemente in testa le parole di Ridley Scott: “Il cast è tutto”. Infatti, gran parte dell’energia è stata spesa nel trovare visi che potessero tradurre la sceneggiatura che avevo congegnato..Ecco, un saluto e un grazie di cuore a tutti. Torno in sala di montaggio.  Manuel de Teffé

IMG_6052 (1)

Manuel de Teffé with his entire “Vobe” team in Paris

IMG_6020

DSC00363

I would like to publicly thank Canon Deutschland CPS for letting me test the amazing Canon Eos 1D C. The camera is able to produce an extraordinary super cinematic 4k footage. After watching what this jewel is capable of, my conclusion is that 4k is the real HD. End of story. I especially would like to warmly thank Mrs. Melanie Albert and Mr. Martin Wieser for assisting me during this test trial. In case people find hard transcoding to ProRes 4k files, here’s what Andrew Reid from Eos HD found out: easy as pie:  http://www.eoshd.com/2015/01/now-you-can-transcode-to-4k-prores-over-3x-faster-with-fcpx/

AAA

volantino front jpeg

FINALMENTE,

a diversi anni da uno dei lavori più duri e allucinanti della mia vita, esce nei cinema italiani “Cristiada”, meglio conosciuto negli USA e nel resto del mondo come “For greater Glory, film storico messicano, con Andy Garcia, Eva Longoria e Peter O’Toole. Lavoro duro perché, essendo io  scrittore/sceneggiatore  non ancora conosciuto come tale dall’industria, sapevo che dovevo calare un asso,  e allucinante perché quando si tratta di studiare la “subject matter” di un paese che non è il tuo, devi arrivare a una proprietà narrativa talmente impeccabile che finisci con l’avere sogni lucidi a manetta, scorgendo accenti decisamente messicani anche negli scrosci di un pannolino che cambi a tua figlia.

Ma andiamo con ordine. Quattro anni or sono il produttore messicano Pablo José Barroso mi chiese dunque di scrivere un trattamento epico per un  clamoroso film che aveva in mente: riportare alla luce una pagina di storia dimenticata del suo paese: “la guerra dei Cristeros”. Questo evento oscurato dai libri di storia gli aveva tolto il riposo e Pablo, decise un giorno di rinunciare ai suoi supplementi di melatonina, prendere in mano la produzione di un film assolutamente folle, e mandare a quel paese le avvizzite logiche produttive in voga.

Entusiasmato dalla missione impossibile affidatami, mi rinchiusi in Germania in una stanza e passai al setaccio tutti gli archivi online del TIME magazine dagli anni 1926 al 1929, lessi tutti i libri sull’argomento possibili, vidi tutto il materiale visivo disponibile, indossai infinite taglie di sombreri e cavalcai  cavalli di vinti e vincitori. Dalla mia finestra  scorgevo neve gelida e e visi teutonici inespressivi, ma in quella stanza avevo costruito un imponente Stargate sul Messico che oltrepassavo giornalmente per rivivere al galoppo 6 anni di furiosa storia messicana.

Per chi non ha dimestichezza col gergo cinematografico, ricordo che il “trattamento” è una mappa stellare della sceneggiatura, una versione della sceneggiatura senza dialoghi. Ne dovevo produrre uno grandioso, non potevo fallire.  Scrivevo, disegnavo storyboard, giravo col sombrero per casa, imparavo espressioni messicane che molto si discostavano dallo spagnolo studiato, sceneggiavo e coreografavo scene di battaglia a cavallo inventandomi prospettive desuete e riprese virtuosamente assurde. Ancora non lo sapevo ma stavo progettando la GoPro.

Dopo 4 mesi, consegnai finalmente  il lavoro a Barroso ( Non senza prima averlo fatto leggere al conte Alexander Stolberg, fine conoscitore della Settima Arte, e avuto da lui medesimo l’avvallo) e mi riposai per 3 mesi, aspettando scalpitante di ricevere lo screenplay dallo sceneggiatore americano. E’ Il cinema: una catena di montaggio dove ognuno ha un ruolo scolpito nella pietra. Dopo altri 4 mesi  ricevetti la sceneggiatura finale, opera che si discostava un po’ dalla mia visione, ma ero comunque  contento di aver dato il mio contributo a un film che reputo storicamente importante. Finalmente potei smontare il mio Stargate, che era divenuto davvero ingombrante per le dimensioni del mio studio, e misi in cantina sombreri, galoppate, storyboard e tequila non bevute.

In soldoni la storia è questa, e dal momento che non riesco ad essere politicamente corretto ve ne do adesso una versione “Ad usum delphini” ma brutale:

quando il governo messicano di vilissimo stampo autoritario limita fortemente le libertà religiose del proprio popolo deportando interi ordini religiosi etc. etc. parte della popolazione messicana scende nelle catacombe, un’altra cerca un infruttuoso dialogo intellettuale col governo illuminato, e una terza, più esasperata che mai, prende le armi per combattere il proprio governo. Guerra civile galore.cristeros

I libri di storia, subdolamente riscritti dai vincitori apparenti, levarono perciò anni di sonno al signor  Pablo Barroso che, come accennavo, si tolse i supplementi di melatonina e decise di produrre un film per  far vedere tutto ciò che era stato oculatamente nascosto. Quando a due anni dalle riprese, Pablo mi mostrò in un hotel fiorentino la prima versione del trailer di “Cristiada”, ancora senza correzione colore, ma molto molto potente, mi commossi. Ci commuovemmo. Rividi molte cose che avevo messo nel trattamento, non vidi molte cose che avevo messo nel trattamento. Ma questo è il cinema: un’eccezionale e impietosa catena di montaggio.

AndyTuttavia il film non era ancora finito: adesso Pablo doveva riuscire nell’opera più tremenda, quella più devastante: la distribuzione di un film storico di cui sulla carta non ce ne potrebbe importar di meno. E qui, come mi piace ripetere sempre: “La provvidenza ti intercetta a metà strada” (Vero Carola?)…Il film era fatto… e… insospettabili interessi verso l’opera cominciarono a smuovere le acque permettendone la distribuzione nelle americhe. “Cristiada” vanta del resto, la migliore interpretazione sullo schermo di Andy Garcia, talmente maestosa che facilitava notevolmente il compito della grande distribuzione.

Il mio contributo in “Cristiada” non era però ancora giunto al termine:  misteriosamente operai anche nella distribuzione del film. Le impenetrabili terre di Francia e Italia si sfaldarono grazie ad alcuni miei amici che come Pablo, non digerivano l’assenza dai libri di storia dei medesimi accadimenti e, tutti desiderosi di far emergere una verità cruda ma storica, si caricarono sulle spalle l’onere di una distribuzione strategicamente improbabile.

Il mio audacissimo amico amico Hubert de Torcy lo ha distribuito l’anno scorso su territorio francese, mentre la mia spericolata amica Federica Picchi lo piazza adesso su territorio italiano con la sua Dominus Production, scinepattonando finalmente i bastioni del deserto cinematografico nostrano.

Come al “Milite ignoto”, una menzione d’onore la voglio far scattare a fine articolo anche verso “L’artista ignoto”: è il quarto amico, un amico che per 6 mesi ha passato giornalmente insieme a me quello Stargate personale che mi ero costruito sugli altopiani messicani.

E’ un amico compositore, mi scriveva i brani musicali per le scene che buttavo giù, per aiutarmi a dare un’anima  migliore a ciò che scrivevo. Cercai di “imporlo” come autore della colonna sonora di “Cristiada”, ma logiche industriali ciclopiche tolsero all’ultimo momento a me la regia e a lui la colonna sonora.

Si chiama Gabriele Croci,  è tra i 10 migliori compositori italiani (e ancora non costa molto perché non conosciuto)

Grazie a tutti ragazzi, per il vostro coraggio:  grazie Pablo, grazie Hubert, grazie Gabriele e grazie a Federica Picchi, che in questo momento sfavilla  tra una sala e l’altra con 12 prime da monitorare. Ci vediamo alla prima romana il 12 Dicembre alle ore 21, Cinema UCI, Porta di Roma.

I love you all,

EvaManuel de Teffé

Director/Writer

Prima di calarmi in un lungo silenzio artistico meditativo e rigenerante…lo scorso Luglio diressi questo spot per l’associazione tedesca Kinderreiche Familien, che fa funge da megafono per i diritti delle famiglie numerose tedesche. Qualche settimana fa lo spot è stato presentato alle Nazioni Unite durante una speciale sessione sulla famiglia. La camera usata è una Black Magic Cinema Camera (nome orrendo), che devo dire mi ha sorpreso per la sua pasta organica. Eccolo.

Manuel de Teffé

 

A great reminder. That’s pretty much it!

Heute bin ichInvitato al festival cinematografico di Brussels dal produttore esecutivo Franz Esterházy per la visione di  “Heute bin ich blond” o “La ragazza dalle nove parrucche”,  mi preparo a vedere il film con uno stato d’animo ostinatamente impreciso. Questa la storia scartavetrata e distillata: quando l’esuberante ventunenne Sophie (Lisa Tomaschewsky) scopre di avere il cancro, dopo lo shock iniziale decide di prendere a ceffoni il suo dramma con originale verve. Il coccolone viene esorcizzato così: la ragazza, calva da chemioterapia, inizia a indossare 9 variopinte parrucche cambiando con esse personalità. Un’accorato marameo al cancro che a un certo punto si darà alla macchia, ma non per le parrucche: trattasi ovviamente di miracolo. La storia è tratta da una vicenda realmente accaduta all’olandese Sophie van der Stap, ragazza che vari anni fa viene colpita dal male, apre un blog  per raccontare la sua battaglia e sentirsi meno sola, Il blog viene letto, le pubblicano un libro, il libro viene letto, ne fanno un film per la regia di Marc Rothemund. Menzione speciale ai brillanti produttori tedeschi Sven Burgemeister e Andreas Bareiss, iniziatori dell’intero progetto.   Durante il ricevimento serale, la mia curiosità di regista sceneggiatore mi porta a parlare a lungo con la scrittrice van der Stap, e noto con mia grande sorpresa l’estrema somiglianza caratteriale con l’attrice del film. Mi viene la sindrome della “Rosa Purpurea”, entro nuovamente nella pellicola e ho le allucinazioni. Quando poi arriva  la bravissima Lisa Tomaschewsky, non capisco più dove finisca una e inizi l’altra. Questo, l’estratto conto del dialogo tra me e Sophie mentre alcune persone piangono ancora dopo la visione.

Manuel Sophie, perchè hai deciso di aprire un blog e raccontare quanto ti stava accadendo?
Sophie van der Stap  Quando ho cominciato a scrivere in ospedale non ho pensato alla forma o all’esito delle mie storie ma dopo qualche mese avevo un’enormità di brevi racconti che sono diventati la base del mio libro. Scrivevo come una pazza per resistere alle 54 settimane di chemio…I miei racconti erano archiviati come “settimana numero 7″, “settimana numero 19″, etc. La mia sete di essere parte del mondo era molto forte…così ho iniziato a spedire i mei “pezzi” a vari giornali e riviste, quei pochi che mi rispondevano mi facevano capire che non potevano pubblicare cose così poco ottimiste…Quando la mia speranza era praticamente sparita, il direttore del NCR Handelsblad mi ha chiamato dicendomi che i miei pezzi erano potenti e che voleva pubblicarne qualcuno….a questo punto un mio caro amico mi ha suggerito di aprire subito un blog, e così è successo….Il mio pezzo è stato pubblicato un sabato insieme a un’intervista e al link del blog. Il lunedì seguente, televisioni e riviste mi chiamavano a tutte le ore.
Sophie and Lisa
Manuel Cosa ha scatenato questa ricerca di parrucche e quanto è durata questa mania?
Sophie Se hai ventuno anni e sai che resterai calva per un anno e mezzo senza la speranza di sopravvivere….Beh, avevo bisogno di una parrucca che mi facesse sentire me stessa.  Le prime parrucche che indossavo a inizio chemio mi facevano sentire una sessantacinquenne. Così ho cercato senza sosta finchè mi sono imbattuta in un negozio teatrale. Lì le parrucche erano esposte come in un negozio di caramelle! Può sorprenderti, ma in un negozio professionale di parrucche, le parrucche sono nascoste in scatole. La vista di tutte quelle parrucche mi rallegrava e rialleggeriva la mia realtà. Inoltre non dimenticare, ripeto, che avevo solo 21 anni e stavo ancora ricercando la mia identità femminile. Le parrucche sono state prima una necessità, poi si sono trasformate in qualcosa di divertente. Attraverso di loro mi sono sentita differente e nuovamente viva…9 parrucche, 9 nomi, 9 personalità, 9 vite. Mi hanno fatta sentire viva nel momento della morte.
Manuel Vuoi descrivermi i 9 personaggi che ti sei ricreata con le parrucche?
Sophie No, noiosissimo! Penso tutti noi abbiamo lati differenti che si relazionano a differenti personaggi. Non più di 4 o 5, però. Alcune parrucche rappresentavano la femme fatale, la ragazza della porta accanto, la sognatrice… etc.
Manuel Allora dimmi a quale parrucca o personaggio ti sei affezionata di più.
Sophie Forse ad “Uma” perchè mi ha aiutato ad essere una femme fatale. “Pam” probabilmente era la più vicina alla donna che in realtà sono quando mi sveglio: dolce, gentile, amichevole, contenta di divertirmi e sfortunatamente vulnerabile. 
Manuel Il film mostra una giovane donna molto coraggiosa. Eri veramente così o ci sono stati momenti in cui hai perso la speranza? 
Sophie  Ho avuto spesso paura….Ogni notte mi addormentavo piangendo. Alla fine si può riassumere il cancro in due parole: alienazione e solitudine. Non essere connessa più con nessuno, non condividere più la stessa realtà con anima viva, quello è stato durissimo.  Ero sicura sarei morta di quella malattia, forse non a 21 anni ma qualche anno dopo. Nel mio viaggio,  ho anche imparato che nonostante queste emozioni si può ridere molto, godersi il sole, il cibo, la compagnia della gente, tutto così intensamente che ero solo felice di essere e di vivere. Forse può suonare strano, ma sono stata una ragazza abbastanza sorridente, in fin dei conti.
Manuel Ti saresti mai aspettata che la tua storia si sarebbe trasformata in film?
Sophie  No, naturalmente. I miei pensieri non andavano al di là del desiderio di sopravvivere. Quando un libro di successo viene dal letto di un ospedale, tutto il resto è secondario.
Manuel Hai aiutato l’attrice a interpretare il ruolo? Le hai dato qualche suggerimento?
Sophie  Ho dato suggerimenti al regista, sarebbe stato il suo lavoro. Ho solo parlato con l’attrice rispondendo a tutte le sue domande.
Manuel Come è stato vedere un’altra ragazza reinterpretare un momento della tua vita?
Sophie Stranissimo, inizialmente. La prima volta che ho visto la mial alter ego sul set è stato di spalle, era di spalle mentre camminava lungo un corridoio dell’ospedale. E’ stato come se mi fossi rivista!  Un’immagine così solitaria…Poi, dovevo entrare nalla mia roulotte ( nel film ho un mini ruolo), così ho cercato la mia roulotte e appena ho visto quella con il cartello “Sophie”, volevo automaticamente entrarci…Ma era quello dell’attrice Lisa! La mia aveva un cartello con scritto: FIGURANTE. Incredibile sensazione… La cosa mi ha ispirato a scrivere un articolo sulla nostra parte “fictional” avente per titolo:” Dove inizia realmente il nostro fictional self?” Naturalmente in noi stessi, penso, dal momento che siamo noi a decidere cosa mostrare della nostra personalità. Possiamo veramente vederci come siamo? Adesso io e Lisa siamo amiche e condivisiamo lo stesso humour. A volte mi domando se la parte che ha interpretato l’abbia cambiata un poco o se è sempre stata così, ed è stato semplicemente un casting perfetto.
Manuel  Infatti parlando con te ho l’impressione di parlare alla stessa ragazza che ho visto nel film, molto sicura e felice di vivere. Come è la tua vita dopo questa vittoria, cosa ti godi di più?
Sophie  Mi fa felice vedere gente. La mia famiglia, gli amici, nuovi incontri, ma devo stare attenta che le mie relazioni sociali non superino le mie ore di scrittura! E poi la scrittura ovviamente, ma solo quando sono ispirata. Ci sono giorni, settimane e mesi dove non scrivo nulla. Folle. Poi inizio a leggere senza fermarmi e allora mi viene in mente una storia, sento una voce e inizio a scrivere nuovamente. La vita dopo questa vittoria, vorrei dire che è migliore, suppongo lo sia, ma allo stesso tempo sono solo una ragazza che è appena divenuta trentenne e che sta affrontando un’ulteriore crescita.
Manuel  Nel film non ho notato momenti di preghiera, momenti in cui si pregava Dio.
Sophie Naturalmente non credo in Dio. Con le cose orribili che accadono sul pianeta come si può credere in Dio? Per me Dio è una risposta semplicistica al fatto che la vita non è coerente o meglio che non ha senso. Abbiamo bisogno di struttura e direzione in un mondo caotico e anarchico, e dal momento che penso che noi stessi siamo caos e anarchia abbiamo dunque bisogno di Dio.  Se c’è una religione è quella dell’amore, perchè cercarla in una realtà creata dopo la vita quando è qui con noi dentro di noi?
Manuel  Perchè si dovrebbe andare a vedere il tuo film?
Sophie Perchè, dopo aver visto il film o aver letto il mio libro “la ragazza dalle nove parrucche”,  diventa chiaro che il cancro o qualunque altro brutto destino non segna la fine di una risata o della felicità: è possibile sentire un mercoledì che presto morirai  e ridere a crepapelle tre giorni dopo. Voglio che la gente lo sappia. Siamo più forti di quanto possiamo credere, perchè lo dobbiamo essere.
Finisco la serata bevendo un bicchiere con Franz Esterházy. Franz mi racconta che il giorno di inizio riprese gli è morto il papà dello stesso male vinto da Sophie e che ha personalmente dedicato il film a lui, ringraziandolo nei titoli di coda. Gli racconto dei miei, volati via per la stessa ragione. Lucciconi e brindisi a 360 gradi. Lascio il festival ricordandomi dell’ultima volta che sono finito in ospedale, notti indimenticabili con gli occhi spiaccicati sul soffitto a pregare Dio di avere una seconda chance ed essere un uomo migliore. La seconda chance l’ho avuta, sull’uomo migliore ci sto lavorando. Un grazie a Sophie e un abbraccio spietato a tutte le persone che stanno combattendo questa battaglia. Nel frattempo, vivere in un AMBIENTE ALCALINO is the name of the game. Mark my words.
Manuel de Teffé
Director/Writer

cover creatività al potereOgni libro è  per me un ineffabile campo di battaglia: lo leggo con matita e risme di evidenziatori, lo riempio di post-it, umilio di orecchiette,  lo chioso di una simbologia personale e altri folli codici crittografati di mia invenzione. Disegno 1 corona accanto a un concetto che mi garba, 2 corone se la trovata è notevole, 3 corone se la devo metabolizzare. Non sottolineo mai. Per questo, quando offerto, preferisco non prendere nessun libro in prestito, poiché non potendolo polverizzare secondo il “protocollo de Teffé”, sarei davvero incapace di leggerlo. Per questo (insert romantico estemporaneo), quando vidi quelle 3 corone gialle sul biglietto da visita di una bionda ragazza tedesca di Colonia, fu un inequivocabile invito a nozze.

Una menzione d’onore spetta  ai libri del mestiere, i libri che esulano dal campo della narrativa ma narrano esperienze di uomini e donne che hanno abbracciato il nostro stesso campo di azione. Nel mio caso, lo spettacolo. Ai tempi dell’Accademia di Belle Arti, ricordo l’estremo squallore dei pomeriggi passati alla Feltrinelli al reparto cinetelevisivo. Di mese in mese cercavo tra i nuovi arrivi opere sul mestiere cinematografico che mi potessero illuminare e guidare, ma vi trovavo solo tomi insulsi e depistanti. I libri americani erano tecnici, belli, cristallini, “to the gist”; gli italiani menavano il can per l’aia analizzando le esperienze altrui con asfittica prosopopea semiotica.

Qualcosa aveva traviato lo spettacolo italiano che, snobbando il puro  entertainment per assurgere a demiurgo della coscienza politica nazionale, non riusciva più a  processare il sentimento semplice.  I libri italiani sul cinema furono dunque per cinquant’anni una conseguenza di questo atteggiamento altezzoso, finendo con l’istillare nell’animo degli artisti nostrani un potente complesso di inferiorità  nei confronti dell’intrattenimento per l’intrattenimento.  

Fino all’arrivo di Amazon. Quando il colosso statunitense scese in campo, la mia sete di esperienze diede giri di pista alle frustrazioni accumulate nel tempo: comprati tutto. Dove tutto, significa tutto. Alla prima possibilità comprai 50 libri, da manuali di sceneggiatura, a quelli sulla direzione della fotografia, dalle tecniche di montaggio cinematografico a giganteschi manuali di produzione. La crema della crema della crema: ero troppo curioso di prendere parte alle vite artistiche dei miei colleghi oltreoceano. Mi arrivarono tre pacchi enormi e una telefonata. I pacchi enormi mi diedero noiosi problemi di dogana. La telefonata mi diede la morte civile per un mese.

“Pronto signor de Teffé? Buongiorno è la Visa. Abbiamo visto che qualcuno ha fatto a suo nome un’ordinazione di numerosi, troppi articoli su Amazon, cosa che in Italia non è mai accaduta. Abbiamo pensato di cautelarla bloccandole la carta.”

Mi inquietai a dovere con le basse sfere della Visa, ma in cuor mio fui felice di essere bloccato nelle mie logistiche, la morte civile dei trenta giorni che passarono fino al rilascio della nuova carta, mi consentì di andare all’assalto dei tre pacchi con spettacolare determinazione. Quest’ hobby si fortificò poi nel tempo fino a temprarmi nella presunzione di aver letto tutto, e nella triste consapevolezza che libri italiani di fattura simile a quella americana fossero pressoché inesistenti.

Fino all’arrivo di “Creatività al potere”.

Due settimane fa, leggendo “Creatività al potere” di Armando Fumagalli, docente di storia del cinema presso l’Università Cattolica, con mia somma gioia noto che:

1 Un italiano ha scritto il miglior libro esistente sul funzionamento dell’industria cinematografica.

2 Questo libro è una fucina di esperienze, psicologie, strategie e tattiche di mercato che nessun altro libro del genere esemplifica con simile autorevolezza.

3 “Creatività al potere”, se studiato bene, contiene i prodromi per la rinascita di un’intera industria italiana cinematografica.

E dal momento che in Italia ancora non abbiamo  un’industria che si comporti da industria ma solo spavalde logiche ottuse autoreferenziali,  qualsiasi persona abbia a che fare con i media o che desideri avere una radiografia perfetta dello stato delle cose nel campo cine-televisivo internazionale e peninsulare, dovrebbe leggere il libro.

Dopo aver dissertato su tutto, dove tutto significa ancora una volta tutto, Fumagalli ci spiega perchè dopo 100 anni di storia del cinema la più grande lezione sullo spettacolo provenga da una fabbrica di cartoni animati il cui unico vero Chief Executive Officer è la creatività: why Pixar docet and rules.

“Creatività al potere” di Armando Fumagalli, edito dalla Lindau: a mani basse, il miglior libro italiano sull’industria dello spettacolo. Visa permettendo, compratelo, regalatelo e APPLICATELO. Potere alla creatività.

Da oggi, il reparto Spettacolo della Feltrinelli ha più senso.

‘nuf said.

Manuel de Teffé